Menu

Love Story

locandina love story
Condividi!

Regia: Arthur Hiller
Interpreti: Ali MacGraw, Ryan O’Neal, John Marley, Ray Milland, Tommy Lee Jones
Anno di produzione: 1970
Durata: 99’
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico
Paese: USA

La storia: Oliver Barrett (Ryan O’Neal) è un ricco studente universitario, innamorato di Jenny Cavilleri (Ali MacGraw, vincitrice del Golden Globe per l’interpretazione), studentessa di musica di estrazione sociale ben diversa. Nonostante l’opposizione dei genitori, la coppia decide di sposarsi. La scelta li costringe a vivere con quattro soldi: lei si dà da fare come insegnante e lui continua a studiare ad Harvard, fin quando si laurea in legge con voti altissimi. Oliver viene quindi assunto da un prestigioso studio legale di New York e Jenny smette di lavorare, anche perché vorrebbero avere un figlio. Si sottopongono entrambi a degli esami per la fertilità, dai quali si scopre invece che Jenny è affetta da una forma di leucemia fulminante e che le resta poco da vivere.

Uno dei primi “cancer movies” per eccellenza, il film di Hiller – pur non aprendo un vero e proprio filone – in qualche misura sdoganò la malattia oncologica sugli schermi hollywoodiani. Le resistenze e i luoghi comuni sono ancora molto presenti: il tumore è di fatto innominabile, della leucemia che colpisce Jenny non vien detto nulla, il cancro è ancora il “male incurabile”, ed anche la sceneggiatura non aiuta, se è vero che la battuta più memorabile è piuttosto da baci perugina (“amare significa non dover mai dire: mi spiace”). Una cosa risulta oggi davvero indigesta, specie se lo spettatore ha avuto a che fare col tumore: l’oncologo dice al marito Oliver che Jenny sta morendo, ma lo tace, ripetutamente, alla diretta interessata.

Tuttavia il film ebbe un grande successo di pubblico, anche per le musiche accattivanti di Francis Lai (che gli valsero l’Oscar), per il romanticismo smielato ed una spruzzata di Sessantotto, celebrato attraverso la ribellione dei ragazzi ai genitori.

Trailer

0 commenti