Menu

Lezioni d’amore (Elegy)

locandina elegy
Condividi!

Regia: Isabel Coixet
Interpreti: Ben Kingsley, Penelope Cruz, Dennis Hopper
Anno di produzione
: 2009
Durata: 112′
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico
Paese: USA

La storia. David (Ben Kingsley), newyorkese sessantenne, è professore universitario di letteratura e critico teatrale. È stato sposato ed ha un figlio ormai grande, col quale ha un rapporto irrisolto.
Il credo di David è l’indipendenza ed il primato del godimento. Non disdegna relazioni sessuali con le sue studentesse. Tra queste, una giovane ispanica Consuela (Penelope Cruz) dal magnifico petto cattura la sua attenzione. I due si frequentano, David è completamente conquistato dal corpo della ragazza, e si rende conto di esserne addirittura geloso, suscitando la riprovazione del suo vecchio amico George (Dennis Hopper). Non partecipa però ad una festa in onore di Consuela, nella quale  avrebbe dovuto conoscerne genitori e parenti, e il loro rapporto all’improvviso si straccia.
Cinque anni dopo, alla vigilia del Capodanno, Consuela telefona improvvisamente a David per incontrarlo. La ragazza entra, porta capelli corti. Gli dice che presto la opereranno per un tumore alla mammella. Chiede a David di scattarle delle fotografie a seno nudo, per fermare nel tempo la sua attuale bellezza. Poi va via, rassicurando David che – nel caso avesse bisogno – lo chiamerà dall’ospedale.
Ma il bisogno si fa strada invece in David: il desiderio di lei irrompe e pretende attenzione. Nel film David va in ospedale a confortare la ragazza. Nel romanzo da cui il film è tratto (L’animale morente, di Philip Roth), David nel finale è lasciato solo, a colloquio con sé: «Devo andare. Vuole che vada da lei. Vuole che io dorma da lei, nel suo letto. Non ha mangiato nulla in tutto il giorno. Deve mangiare. Bisogna nutrirla. Tu? Rimani, se vuoi. Se vuoi restare, se vuoi andare via… Guarda, non c’è tempo, devo scappare! “Non farlo”. Cosa? “Non andare”. Ma devo. Qualcuno deve stare con lei. “Troverà qualcuno”. È terrorizzata. Io vado. “Pensaci. Rifletti. Perché se ci vai, sei finito».
Vincerà il narcinismo (narcisismo + cinismo) di David o l’uomo del desiderio dell’altro che è ormai  cresciuto in lui?

Trailer

0 commenti