Menu

Per saperne di più

AJAX progress indicator
  • a

  • Aglio
    All’aglio vengono attribuite proprietà terapeutiche come antisettico, antipertensivo, fluidificante, antibatterico. L’inconfondibile aroma dell’aglio si deve alla presenza di una sostanza, l’alliina, che, una volta tagliato lo spicchio, si trasforma in allicina emanando il caratteristico odore pungente. È ricco in potassio.
  • Albicocche
    Le albicocche hanno un alto contenuto di vitamina A e potassio. Sono frutti facili da digerire e la loro assunzione è particolarmente indicata per chi ha problemi di anemia o di spossatezza cronica, per le persone convalescenti, per gli anziani e per i bambini nell'età della crescita.
  • Alici
    Alici, pesce azzurro pregiato per gli effetti sulla salute. Alta la concentrazione di proteine nobili, ferro e acidi grassi polinsaturi della serie omega 3, in poche calorie. Ottima fonte di calcio, le alici sono un integratore naturale per chi soffre di osteoporosi.
  • b

  • Bacche di Goji
    Le bacche di Goji hanno importanti proprietà antiossidanti. Inoltre, vista l’alta concentrazione di carotene e luteina, sono ottime per mantenere gli occhi in salute.
  • Banana
    La banana, grazie alle sue proprietà energetiche e nutritive, è consigliata agli sportivi. È inoltre ricca di fibre utili per la corretta funzione intestinale.
  • Broccolo
    Il broccolo e il cavolfiore sono vegetali appartenenti alla famiglia delle crucifere. In generale le crucifere sono ricche di vitamine (soprattutto C e K, mediamente ricche di vitamina A), minerali e presentano una notevole varietà di sostanze fitochimiche (quali i polifenoli, gli isotiocianati, gli indoli) ad azione protettiva antitumorale. Fanno parte di questa famiglia anche la verza, il cavolo cappuccio, i broccoletti siciliani, i cavoletti di Bruxelles, le cime di rapa, la rapa, la rucola e il ravanello. Lo zolfo è responsabile del caratteristico odore che si sviluppa durante la cottura.
  • c

  • Capperi
    I capperi contengono la maggior quantità in rapporto al peso di quercetina, un antiossidante naturale. Altri alimenti particolarmente ricchi di quercetina sono: uva rossa e vino rosso, cipolla rossa, tè verde, mirtilli, mele, propoli e sedano.
  • Carciofi
    I carciofi sono ricchi di fibra (inulina), proteine e di alcuni minerali quali sodio, potassio, fosforo, calcio e magnesio. Inoltre contengono la cinarina, una sostanza derivata dall’acido caffeico che è in grado di favorire la digestione stimolando la produzione di bile da parte del fegato (azione coleretica) e favorendo il suo deflusso nell’intestino (azione colagoga). La cinarina ha anche proprietà ipocolesterolemizzanti (abbassa i livelli di colesterolo nocivo). La cinarina viene in parte persa con la bollitura del carciofo.
  • Carota
    La carota è una delle fonti più ricche di provitamina A (o betacarotene). Il betacarotene ha un’azione antiossidante contro gli effetti nocivi dei radicali liberi, protegge la pelle dai raggi ultravioletti, presiede alla crescita di ossa e cartilagini, previene le lesioni precancerose dei tessuti, favorisce la visione crepuscolare. Per il suo alto contenuto di fibre, la carota svolge un’azione regolatrice sull’intestino con effetti opposti a seconda dell’utilizzo: cotta è indicata nei casi di diarrea, cruda con olio extravergine d’oliva nei casi di stipsi.
  • Cavolo
    Come tutte le crucifere la verza o cavolo verza svolge un’azione antineoplastica per il suo contenuto in antiossidanti.
  • Cioccolato
    Il cioccolato è un alimento equilibrato perché fornisce i principali nutrienti, cioè zuccheri, proteine e grassi, sali minerali (potassio, ferro,calcio, fosforo) e vitamine (vitaminaB1). Il fondente è privo di colesterolo, mentre quello al latte ne contiene in minima quantità. È calorico ma, con le opportune limitazioni, può essere consumato alcune volte a settimana senza problemi. I semi di cacao sono ricchi di polifenoli che non vengono persi durante la lavorazione. Senza dimenticare le metilxantine (teobromina, caffeina e teofillina), sostanze nervine che contribuiscono a dare sensazione di benessere e maggiore energia.Tali sostanze aumentano i livelli di serotonina e noradrenalina, neurotrasmettitori del cervello che fanno da mediatori di sensazioni piacevoli.
  • Cipolla
    La cipolla ha un consistente valore nutritivo, grazie alla presenza di sali minerali e vitamine, ma contiene anche molti fermenti che aiutano la digestione e stimolano il metabolismo; inoltre contiene anche oligoelementi quali zolfo, fluoro, manganese e fosforo, diverse vitamine del complesso B; flavonoidi con azione diuretica e la glucochinina, un ormone vegetale, che possiede una forte azione antidiabetica.
  • Curcuma
    È una spezia ricchissima di potassio e di ferro, così come di altri minerali e vitamine. La pianta è conosciuta da sempre per l'azione depurativa, coleretica (stimolante la produzione di bile da parte del fegato) e colagoga (che favorisce lo svuotamento della colecisti, aumentando l'afflusso di bile nel duodeno), è un epatoprotettore, stimolante delle vie biliari,antiossidante, fluidificante del sangue.
  • e

  • Erbe aromatiche
    Le erbe aromatiche sono una componente preziosa in cucina: rendono i piatti più saporiti, esaltano il gusto e il gradimento dei cibi, consentendo così di ridurre l’uso del sale da cucina. Ricche in sali minerali e vitamine, alle erbe aromatiche si attribuiscono anche altre virtù: stimolano i processi digestivi, sono antinfiammatorie, antifermentative e limitano la proliferazione batterica.Pepe nero, menta, rosmarino, basilico e prezzemolo sono ricchissimi di ferro (più di carne e legumi), la salvia ha la stessa quantità di calcio, a pari peso, del pecorino. Il prezzemolo contiene il doppio di vitamina C rispetto al kiwi e tre volte le fragole. È necessario però fare attenzione a non eccedere nelle quantità in cui vengono consumate le erbe aromatiche, perché un eccesso può essere pericoloso (ad esempio, un uso molto eccessivo di prezzemolo in gravidanza può aumentare il rischio di aborto per effetto uterotonico).
  • f

  • Fagiolini
    I fagiolini, poveri in sodio, sono composti per il 90% da acqua. Ricchi in fibra, soprattutto del tipo insolubile, fra i minerali più rappresentati si trovano selenio, potassio, silicio. Cottura moderata per non disperderne il patrimonio nutrizionale.
  • Farro
    Il farro contiene una quantità maggiore di proteine rispetto agli altri cereali (18%); ricco di vitamine del gruppo B, di fosforo e potassio, ha un elevato contenuto di fibre insolubili (cellulosa, emicellulosa, lignina) che favoriscono il corretto transito intestinale.
  • Fibra
    La fibra svolge nell’organismo una triplice funzione: consente di raggiungere più rapidamente la sensazione di sazietà, regola le funzioni intestinali, interagendo con la flora batterica intestinale (microbiota), e modula l’assorbimento di alcuni nutrienti. La fibra insolubile aumenta la massa fecale e diminuisce il tempo di transito delle feci al livello intestinale la fibra solubile ritarda lo svuotamento gastrico, funziona da substrato per il microbiota intestinale, e rallenta l’assorbimento di glucosio e di colesterolo, contribuendo a diminuire i livelli ematici di glucosio e colesterolo cattivo(LDL).
  • Fico d’india
    Il fico d'india è un frutto mediamente energetico, che apporta una discreta quantità di fruttosio (carboidrato semplice) e buone porzioni di fibra insolubile, sali minerali e vitamine.In particolare, il fico d'india contiene ottime quantità di fibra, utile alla regolazione dell'assorbimento intestinale e del transito fecale stesso. L'apporto di potassio è apprezzabile così come quello di antiossidanti.
  • Fragola
    La fragola ha un altissimo potere antiossidante, che supera di 20 volte quello di altri alimenti, e un ricco contenuto di vitamina C rispetto agli agrumi; è anche mediamente ricca di calcio.
  • g

  • Ginger (Zenzero)
    Il Ginger è in grado di agire efficacemente su tutto l'apparato digerente, nei casi di inappetenza o di digestione lenta e laboriosa, flatulenza, meteorismo e gonfiore intestinale per le sue proprietà carminative. Si è dimostrato efficace anche contro il mal d'auto, la nausea e il vomito (da usare con attenzione perché sono state riscontrate in questa radice sostanze ad attività mutagena ed abortiva), e come antispasmodico. Efficace in caso di reumatismi, gastrite e ulcera (a dosi superiori a 5 g al giorno può causare fenomeni irritativi gastroduodenali), mal di testa, è stata anche confermata la sua attività antiossidante. La sua attività antinfiammatoria viene sfruttata anche per preparare colliri decongestionanti.
  • k

  • Kiwi
    È sufficiente un kiwi al giorno per soddisfare il fabbisogno giornaliero di vitamina C (60 mg al giorno) del nostro organismo. Ricco di fibra solubile e insolubile, può costituire un valido ausilio contro la stipsi, dato l’intenso potere lassativo delle sue fibre.
  • l

  • Lampone
    I lamponi, grazie al loro contenuto di vitamina C, sono noti per le loro proprietà antinfiammatorie delle vie respiratorie. Inoltre il lampone è un frutto diuretico, depurativo dell'organismo, rinfrescante, contribuisce a rafforzare le difese immunitarie ed è anche energetico.
  • Latte di riso
    Il latte di riso è una bevanda naturale usata, in particolare, dalle persone che non tollerano il comune latte vaccino ma che non vogliono rinunciare al gusto di una sana colazione. Il latte di riso è privo di colesterolo, di grassi animali, di glutine e di lattosio ed è addizionato di calcio e vitamina D. Non va riscaldato a lungo ma solo intiepidito.
  • Legumi
    I legumi contengono un’elevata quantità di proteine dotate di buona qualità biologica, ma pur sempre inferiore a quella delle proteine animali. Le proteine dei legumi sono carenti di alcuni aminoacidi (metionina e cisteina), che si trovano invece nelle proteine dei cereali; queste, a loro volta, mancano di un amminoacido essenziale (la lisina), contenuto nelle leguminose; per questa ragione legumi e cereali se combinati fra loro si completano a vicenda assicurando un apporto proteico di qualità, ma comunque inferiore a quello delle proteine animali. I legumi sono una buona fonte di amido, fibra (sia insolubile che solubile), minerali (calcio, ferro, potassio, fosforo e magnesio) e vitamine del gruppo B (esclusa la B12 che, ricordiamo, è presente solo in alimenti di origine animale).
  • Limoni, arance, mandarini
    Gli agrumi (limoni, arance, mandarini), da un punto di vista alimentare, hanno un’importanza fondamentale: non devono essere considerati solo come una buona fonte di vitamina C, ma anche come alimenti in grado di apportare all’organismo numerose sostanze fitochimiche antitumorali. Negli agrumi troviamo l’esperidina, un bioflavonoide che svolge sia un’azione protettiva, nei confronti dei vasi capillari e del tessuto connettivo, sia un’azione antinfiammatoria; e gli antociani pigmenti naturali con proprietà antiossidanti e preventive dei tumori.
  • Liquirizia
    La liquirizia aiuta a migliorare i disturbi dell'apparato gastrointestinale, compresi aerofagia, stitichezza e digestione lenta. È dotata di un’attività gastroprotettiva, ma deve essere consumata con prudenza se si hanno problemi di ipertensione arteriosa.
  • m

  • Mandorle, noci, nocciole
    Mandorle, noci, nocciole rientrano nella categoria della frutta oleosa, alimenti altamente energetici. Tuttavia, la frutta oleosa, se adeguatamente inserita in una dieta, può indurre un miglioramento del ruolo protettivo della stessa nei riguardi della salute. Grazie alla rilevante quantità di acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi della serie omega 6, alla soddisfacente qualità di proteine e l’alto contenuto di fibra alimentare, alla significativa presenza di sali minerali (fosforo, potassio, calcio, ferro), di vitamine (in particolare vitamina E) e di componenti ad attività antiossidante.
  • Mela
    La mela contiene una buona quantità di zuccheri semplici (fruttosio), pectine, sali minerali, acido malico e citrico. Facilmente digeribile, svolge un’azione rinfrescante, diuretica e aiuta a regolare la flora intestinale.
  • Mela cotogna
    La mela cotogna è un frutto ricco di acido malico e tartarico, ha pochi zuccheri e molte fibre, è un prodotto a basso contenuto calorico. Ogni 100 grammi forniscono circa 26 calorie.
  • Melanzana
    La buccia della melanzana è ricca di antociani (o antocianine), pigmenti che conferiscono il tipico colore blu-viola ai vegetali e che sono in grado di reagire con gli ossidanti (come l’ossigeno e i radicali liberi) riducendo i danni che queste molecole possono provocare alle cellule e ai tessuti.
  • Miele
    Il miele è un alimento energetico composto da zuccheri semplici (fruttosio-glucosio) facilmente digeribile, contiene: enzimi, vitamine, oligominerali, sostanze antibiotico-simili e sostanze che possono favorire i processi di accrescimento. Ha un’azione decongestionante per le vie respiratorie e calma la tosse, aumenta la potenza e la resistenza muscolare, protegge e disintossica il fegato e aiuta a fissare il calcio e il magnesio nelle ossa.
  • Mirtillo
    Il mirtillo nero è quello maggiormente ricco di principi salutari. Infatti contiene zuccheri e molti acidi, in particolare l’acido citrico (che protegge le cellule) ma anche l’acido ossalico, l’idrocinnamico e il gamma-linolenico. L’acido ossalico è quello che conferisce il classico sapore asprigno del frutto; l’acido idrocinnamico è molto efficace perché è in grado di neutralizzare le nitrosammine cancerogene (prodotte nell’apparato digerente in conseguenza dell’ingestione di nitrati); l’acido gamma-linolenico invece è molto utile al sistema nervoso perché previene la nefropatia diabetica. Ma non è tutto: il mirtillo nero è particolarmente ricco di acido folico (una vitamina molto importante per le varie numerose funzioni che svolge) e contiene tannini e glucosidi antocianici, i quali oltre a dare al frutto il suo caratteristico colore, riducono la permeabilità dei capillari e ne rafforzano la struttura. Le antocianine infine, presenti in grandi quantità, rafforzano il tessuto connettivo che sostiene i vasi sanguigni e ne migliorano l’elasticità e il tono. Riescono in tal modo a svolgere un’azione antiemorragica nonché contro i radicali liberi. Tutte questa sostanze poi favoriscono e aumentano la velocità di rigenerazione della porpora retinica, migliorando la vista.
  • More
    Le more hanno proprietà depurative, diuretiche, antireumatiche e dissetanti; non solo, aiutano anche a combattere le malattie cardiovascolari mantenendo pulite ed elastiche le arterie.
  • o

  • Olio extravergine d’oliva
    L’Olio extra vergine di oliva, alimento principe della dieta mediterranea, è il condimento da preferire sia a crudo sia per cucinare. Per il suo elevato punto di fumo è in assoluto, tra i vari olii, il più indicato per la frittura. È ricco di acidi grassi monoinsaturi e in particolare di acido oleico. Grazie a questa composizione in acidi grassi, alla presenza di polifenoli e vitamina E, l’olio di oliva mantiene sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo (LDL), previene l’aterosclerosi e rallenta l’invecchiamento cellulare. La sensazione di “pizzichio” alla gola che si avverte gustando questo olio, in particolare l’olio di recente spremitura, è data da una sostanza, recentemente scoperta, l’oleocantale, con proprietà antinfiammatorie.
  • Orzo
    L’orzo è il cereale con il più basso indice glicemico. Ricco in fibra, solubile ed insolubile nelle stesse percentuali, fornisce un buon apporto di fosforo, potassio, magnesio e vitamina PP.
  • p

  • Papaya
    La papaya è composta principalmente da acqua; ha, inoltre, una buona quantità di carboidrati. Contiene tanta vitamina C e poi ancora vitamina A, vitamina K, acido folico e flavonoidi.
  • Parmigiano
    Il parmigiano è un alimento altamente digeribile che contiene solo il 30% di acqua e ben il 70% di sostanze nutritive: per questo motivo è un formaggio ricchissimo di proteine (35%), lipidi (65%), vitamine (maggiormente la vitamina A, liposolubile) e minerali, soprattutto calcio, fosforo e sodio.
  • Peperoncino
    Il peperoncino, ricco in vitamina A e C, contiene la capsaicina, una molecola che conferisce a questa spezia il gusto piccante ed effetti benefici sulla salute. La capsaicina è un antibatterico naturale, stimola la secrezione di mucogastrico e quindi ha uno spiccato effetto gastroprotettivo. Stimola inoltre la peristalsi intestinale.
  • Pera
    La pera è un frutto antichissimo che contiene una buona quantità di zuccheri semplici (fruttosio), pectine, sali minerali, acido malico e citrico, oltre che composti fenolici ad azione antiossidante. Di grande digeribilità, ha un’azione diuretica (per il suo modesto contenuto di sodio associato a un elevato tenore di acqua) e lassativa (per il suo contenuto di fibra solubile e insolubile).
  • Pesche
    Le pesche hanno proprietà diuretiche, rinfrescanti, remineralizzanti, oltre che leggermente lassative. Grazie al loro contenuto di potassio, inoltre, le pesche apportano benefici al sistema nervoso e aiutano a reintegrare energie dopo un intenso sforzo. Sono altresì utili al sistema immunitario, alla vista, alla pelle, alle unghie e ai capelli.
  • Pinoli
    I pinoli, così come tutta la frutta secca, sono una buona fonte di acidi grassi polinsaturi omega 6, di calcio e anche di fibra. Essendo frutta essiccata, il loro contenuto calorico è molto elevato, dato che per il 75% sono composti da grassi (anche se grassi buoni), quindi se ne consiglia un consumo non eccessivo come spuntino o condimento: circa 7-8 grammi al giorno (per le persone normopeso).
  • Pomodoro
    Il pomodoro, alimento base della dieta mediterranea, ha un buon contenuto in minerali e oligoelementi. È ricco di acqua e di tutte le vitamine idrosolubili. Aumenta la salivazione, stimola l’appetito e rigenera i tessuti. Il suo colore è dato in gran parte dal licopene l’unico carotenoide di colore rosso. La caratteristica che rende interessante il licopene è la sua elevata capacità di proteggere le cellule e i tessuti dall’azione nociva dei radicali liberi, responsabili dei processi d’invecchiamento e di molte patologie tumorali. Non bisogna dimenticare che la biodisponibilità di licopene è incrementata a seguito della cottura, perché la temperatura altera la sua forma chimica facilitandone la digestione: per questa ragione, i prodotti alimentari a base di pomodoro sono una fonte migliore di licopene rispetto al pomodoro fresco. Infine, poiché è liposolubile, l’assorbimento aumenta ulteriormente quando il licopene viene assunto con olio.
  • Prugne
    Le prugne sono particolarmente note per la loro eccellente azione lassativa, apprezzabile già a dosi di 50-100 grammi. Tale effetto è legato alla presenza di acidi organici, zuccheri ad azione osmotica (compreso il sorbitolo) e ossifenisatina.La prugna secca gode anche di proprietà toniche, depurative ed energizzanti, che la rendono utile per gli sportivi. Quella fresca, invece, racchiude al suo interno molte sostanze ad azione antiossidante (fenoli), potassio, vitamina K e carotenoidi. Il contenuto calorico è moderato (circa 40 kcal per 100 grammi di prugne fresche).
  • r

  • Radicchio
    Il radicchio ha proprietà depurative e, grazie all'alto contenuto di acqua, la presenza di fibre e principi amari, favorisce la digestione ed il buon funzionamento dell'intestino; grazie al suo basso apporto calorico il radicchio è un alimento molto indicato anche per le diete ed i regimi alimentari controllati.
  • Rape
    Le rape hanno un indice calorico molto basso, (18 calorie ogni 100 grammi) e sono una buona fonte di antiossidanti, minerali, vitamine e fibre.
  • Rosmarino
    Il rosmarino è uno stimolante del fegato, antisettico, digestivo, indicato per stati di affaticamento.
  • s

  • Salmone
    Il salmone è ricco di omega 3, che possono essere considerati dei veri e propri alleati per la nostra salute. Essi riducono i livelli dei trigliceridi e innalzano i livelli del colesterolo “buono” (HDL). Incidono positivamente sul rallentamento dell’invecchiamento, prevengono l’aterosclerosi e quindi le malattie cardiovascolari, i tumori e aiutano a combattere l’osteoporosi.
  • Scalogno
    Lo scalogno è una liliacea risultante dall’incrocio fra l’aglio e la cipolla. Dell’aglio conserva la divisione in spicchi e le proprietà antibatteriche, mentre è più dolce della cipolla e risulta maggiormente digeribile anche da parte di individui che mal sopportano la cipolla. Fonte di selenio (azione antiossidante) e di silicio.
  • Sedano
    Il sedano ha poche calorie: apporta circa 20 Kcal per 100 grammi. Gli steli del sedano contengono potassio, fosforo, magnesio, calcio, vitamine C, E, K e alcune vitamine del gruppo B, mentre le foglie racchiudono grandi quantità di vitamina A. Del sedano a scopo terapeutico si utilizzano le radici, le foglie e i semi. Questo ortaggio contiene Luteolina, un antiossidante.
  • Sogliola
    La sogliola è un pesce con un basso contenuto di colesterolo e grassi, ben digeribile e dal sapore poco marcato. Si presta molto bene per involtini e cotture veloci.
  • Spinaci
    Gli spinaci si contraddistinguono per il loro valore nutritivo: molto ricchi in sali minerali (ferro, calcio, sodio, potassio, fosforo, magnesio e zinco) e di vitamine A, C e K. Tale composizione conferisce agli spinaci un potere rimineralizzante, tonificante e cardiotonico. Senza dimenticare che gli spinaci hanno anche un elevato contenuto di acido folico. L’acido folico è stato riconosciuto come essenziale nella prevenzione delle malformazioni neonatali e nel prevenire altre situazioni di rischio per la salute. La sua presenza abbassa i livelli di omocisteina, un aminoacido associato al rischio di malattie cardiovascolari. Per poter beneficiare al meglio delle proprietà nutrizionali degli spinaci, converrebbe mangiarli crudi, poiché con la cottura si perde una buona percentuale (circa il 50%) degli elementi utili all’organismo.
  • t

  • Timo
    Il timo è digestivo, antisettico, balsamico. Le proprietà antibatteriche sono dovute a un fenolo, il timolo, contenuto in tutte le parti della pianta, responsabile del forte profumo.
  • u

  • Uva Sultanina
    L’uva sultanina è una particolare varietà di uva adatta all’essicazione, priva di semi e ricca di zuccheri. Come l’uva fresca, è dotata di attività leggermente lassativa. Rappresenta un alimento altamente energizzante per il contenuto in potassio, calcio, sodio e ferro, oltre che di zuccheri.
  • v

  • Vino rosso
    Il vino rosso contiene diverse sostanze dotate di proprietà antiossidanti. Un buon bicchiere di vino rosso durante i pasti è sufficiente a produrre effetti benefici sul nostro organismo; se si eccede però nella quantità, oltre i 350 millilitri per intenderci, gli effetti negativi dell'etanolo prendono il sopravvento, eliminando così gli effetti benefici del vino rosso.
  • z

  • Zafferano
    Lo zafferano ha dimostrato effetti benefici sulla parte del sistema nervoso responsabile del tono dell'umore. Ha inoltre ottime proprietà antiossidanti e contiene carotenoidi.
  • Zucca
    La zucca, come ogni ortaggio di colore giallo-arancione, è ricco di vitamina A e in particolare dei precursori della vitamina A (caroteni). Questa vitamina interviene nei meccanismi della visione, sul sistema immunitario e nel rinnovamento delle cellule cutanee e delle mucose.
  • Zucchine
    Le zucchine sono buone fonti di potassio, vitamina E, acido folico e carotenoidi quali la luteina e la zeaxantina, che svolgono un azione protettiva sull’organo visivo.